Warning: include(/web/htdocs/www.taronews.it/home/wp-includes/metawp.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.taronews.it/home/wp-load.php on line 94

Warning: include(): Failed opening '/web/htdocs/www.taronews.it/home/wp-includes/metawp.php' for inclusion (include_path='.:/php5.5/lib/php') in /web/htdocs/www.taronews.it/home/wp-load.php on line 94
Valmozzola commemorazione dell'eccidio avvenuto il 17-03-1944 – Taronews

Valmozzola commemorazione dell'eccidio avvenuto il 17-03-1944

Valmozzola PR commemorazione dell'eccidio sabato visit page 26-03-2011

http://www.youtube.com/watch?v=H-lyjHUXkDE

 Giuseppe « Vilmo » Tendola

Io sottoscritto Montaresi Dario (Brlchè) Commissario Politico della Prima Divisione Liguria, Brigata d'assalto Garibaldi « Ugo Muccini », dichiaro:

Verso il 24 Febbraio 1944 fui inviato dal Comitato di Liberazione Nazionale di La Spezia a Merizzo per co­stituirvi un gruppo di partigiani. Raggiunta la località trovai già alcuni partigiani; dopo pochi giorni il grup­po raggiunse il numero di 14, fra i quali il giovane stu­dente Cheirasco Ubaldo della classe 1922.

Rimasi sul posto parecchi giorni, e dalle conversa­zioni che ebbi con Lui si rivelò subito giovane sincero, riflessivo, di carattere fermo e deciso per la lotta par­tigiana.

Sentiva repulsione per tutto ciò che era ingiusto, e con la sua calma e riflessiva parola sapeva infondere nei suoi giovani compagni dei monti il senso di bontà che sfociava dalla sua anima.

Con generosità e coraggio Egli, studente, seppe af­fiancarsi ai giovani per la lotta anti-fascista, con i quali divideva i disagi della vita partigiana per conqui­stare la libertà, che riteneva suo preciso dovere.

Dalle conversazioni che ebbi con Lui ne trassi l'im­pressione che fosse orientato verso il partito socialista. Si manifestò sensibile ai disagi dei compagni, pronto ad alleviarli in tutto ciò che gli fosse stato material­mente possibile. Ricordo che in una riunione del gruppo feci presente la precaria situazione del distaccamento, ed il Cheirasco con spontanea naturalezza versò la som­ma di denaro facendo presente che avrebbe fatto il pos­sibile per dare ulteriori aiuti.

Sobrio in tutte le Sue manifestazioni, seppe acqui­stare sui giovani compagni partigiani quell'ascendente e quella simpatia che gli permettevano di confortarli e mantenere viva la visuale della redenzione.

Fu catturato, unitamente ai suoi compagni, da ele­menti della X Flottiglia Mas, il 14 Marzo del 1944 dopo combattimento, e mi risulta che durante il breve perio­do di prigionia, malgrado le sevizie patite, il Suo con­tegno fu dignitoso ed eroico, ed il Suo labbro muto.

Il mattino del 17 Marzo, veniva fucilato a Valmoz­zola, nel luogo stesso dove poco tempo prima gli ani­mosi partigiani avevano fermato un treno e liberato dei patrioti prigionieri.

La Spezia, 15' Giugno 1946.

Istituto  Storico Della Resistenza ” Pietro Mario  Beghi ” La Spezia