Warning: include(/web/htdocs/www.taronews.it/home/wp-includes/metawp.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.taronews.it/home/wp-load.php on line 94

Warning: include(): Failed opening '/web/htdocs/www.taronews.it/home/wp-includes/metawp.php' for inclusion (include_path='.:/php5.5/lib/php') in /web/htdocs/www.taronews.it/home/wp-load.php on line 94
Presentazione del libro “Il sole e la neve” di Luigi Alfieri – Taronews

Presentazione del libro “Il sole e la neve” di Luigi Alfieri

Sabato 26 gennaio, la Biblioteca Manara ha ospitato la presentazione del libro “Il sole e la neve” di Luigi Alfieri, caporedattore della “Gazzetta di Parma”. Al suo fianco, Enrico Robusti, grande artista parmigiano, che ha realizzato le immagini che corredano il volume. La presentazione è stata a cura di Massimo Beccarelli, consigliere della Fondazione “Manara”, che si è avvalso della preziosa collaborazione di Elisa Delgrosso.
Un libro di grande originalità, “Il sole e la neve”, fabbricato artigianalmente e stampato su “carta paglia”, la particolare carta usata anche da macellai e salumieri. La rilegatura è fatta con lo spago, come quello che si usa di solito per i salami e i culatelli. La tiratura è bassissima: solo 300 copie. Sul piano dei contenuti, il libro è composto da 142 mini-capitoli, o “coriandoli”, all’apparenza autonomi l’uno dall’altro. Proseguendo nella lettura, però, si coglie la trama di un unico racconto, che ha come protagonista un bambino di nome Luigi. Un bambino che poi, via via, diventa grande, affrontando le varie esperienze della vita, da quelle piacevoli a quelle più dolorose. La storia si colloca negli anni ’60 e racconta un mondo che in larga parte non esiste più, ma che nel ricordo assume quasi una dimensione mitica. Accanto al protagonista, ruotano una serie di personaggi: i famigliari, gli amici, i negozianti, gli artigiani… tutti tratteggiati in modo mirabile. Sembra di vederli emergere dalle pagine, vivi, sembra quasi di riconoscere dei vecchi amici. La narrazione segue i mesi dell’anno, da giugno a giugno. L’autore si sofferma sui cambi di stagione, i diversi profumi e colori della natura nel corso dell’anno. Si vedono i boschi, i campi, i cieli, i fiumi dell’Appennino.
I testi sono accompagnati dai bellissimi disegni dell’artista parmigiano Enrico Robusti. Le immagini riprendono le varie fasi della storia, le stesse situazioni raccontate dall’autore, ma le reinterpretano con un occhio diverso, contribuendo ad accrescere il valore dell’opera.

Massimo Beccarelli