Warning: include(/web/htdocs/www.taronews.it/home/wp-includes/metawp.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.taronews.it/home/wp-load.php on line 94

Warning: include(): Failed opening '/web/htdocs/www.taronews.it/home/wp-includes/metawp.php' for inclusion (include_path='.:/php5.5/lib/php') in /web/htdocs/www.taronews.it/home/wp-load.php on line 94
Porcigatone di Borgotaro PR Sant’ Antonio Abate 18-01-2015 – Taronews

Porcigatone di Borgotaro PR Sant’ Antonio Abate 18-01-2015

DSC_0049
Borgo Val di Taro PR
Chiesa di Porcigatone
Sant’ Antonio Abate
Santa Messa
Don Angelo Busi
Domenica 18-01-2015

Borgo Val di Taro PR
Chiesa di Porcigatone
Sant’ Antonio Abate
Benedizione del Sale- Pane- Animali
Don Angelo Busi
Domenica 18-01-2015

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera
Sant’Antonio fu presto invocato in Occidente come patrono dei macellai e salumai, dei contadini e degli allevatori e come protettore degli animali domestici; fu reputato essere potente taumaturgo capace di guarire malattie terribili.
Gli animali domestici
Sant’Antonio è considerato anche il protettore degli animali domestici, tanto da essere solitamente raffigurato con accanto un maiale che reca al collo una campanella. Il 17 gennaio tradizionalmente la Chiesa benedice gli animali e le stalle ponendoli sotto la protezione del santo.
La tradizione di benedire gli animali (in particolare i maiali) non è legata direttamente a sant’Antonio: nasce nel Medioevo in terra tedesca, quando era consuetudine che ogni villaggio allevasse un maiale da destinare all’ospedale, dove prestavano il loro servizio i monaci di sant’Antonio.
A partire dall’XI secolo gli abitanti delle città si lamentavano della presenza di maiali che pascolavano liberamente nelle vie e i Comuni s’incaricarono allora di vietarne la circolazione ma fatta sempre salva l’integrità fisica dei suini «di proprietà degli Antoniani, che ne ricavavano cibo per i malati (si capirà poi che per guarire bastava mangiare carne anziché segale), balsami per le piaghe, nonché sostentamento economico. Maiali, dunque, che via via acquisiscono un’aura di sacralità e guai a chi dovesse rubarne uno, perché Antonio si sarebbe vendicato colpendo con la malattia, anziché guarirla.»[6]
Secondo una leggenda del Veneto (dove viene chiamato San Bovo o San Bò, da non confondere con l’omonimo santo), la notte del 17 gennaio gli animali acquisiscono la facoltà di parlare. Durante questo evento i contadini si tenevano lontani dalle stalle, perché udire gli animali conversare era segno di cattivo auspicio.
Da Wikipedia, l’enciclopedia libera