Warning: include(/web/htdocs/www.taronews.it/home/wp-includes/metawp.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.taronews.it/home/wp-load.php on line 94

Warning: include(): Failed opening '/web/htdocs/www.taronews.it/home/wp-includes/metawp.php' for inclusion (include_path='.:/php5.5/lib/php') in /web/htdocs/www.taronews.it/home/wp-load.php on line 94
La visita di Hasan Muratović a Borgotaro – Taronews

La visita di Hasan Muratović a Borgotaro

Una ventata di genuino spirito internazionale ed umanitario a Borgotaro. Lo scorso 23 ottobre il capoluogo valtarese ha avuto l’onore di ospitare Hasan Muratović, Primo Ministro della Bosnia Herzegovina (1996-97) e attuale Rettore dell’Università di Sarajevo: grazie al profondo legame d’amicizia con il borgotarese Damaso Feci, già rappresentante delle Nazioni Unite per i rifugiati in Bosnia, Muratović torna a Borgotaro dopo 17 anni per parlarci di ricostruzione, integrazione e tolleranza tra culture differenti. Accompagnato da Anna Minuto, dell’organizzazione umanitaria INTERSOS e dal giornalista-scrittore Paolo Del Giudice, il Dottor Muratović ha incontrato gli studenti dell’Istituto Zappa-Fermi per una vera e propria lectio di cittadinanza attiva, ha fatto visita alla sede della nostra Assistenza Pubblica, operativa tra i soccorsi umanitari nel corso del conflitto balcanico ed è stato ricevuto nella sala del Consiglio comunale per il saluto delle Istituzioni, presenti il Sindaco Diego Rossi e il Vice Presidente della Provincia di Parma Pier Luigi Ferrari: nell’occasione è stata conferita al Professor Muratović una targa a ricordo dell’incontro e la serigrafia commemorativa della nostra Medaglia d’oro al valor militare per la Resistenza, due doni che fanno da contraltare al pregevole sbalzo in rame donato al Comune di Borgotaro nel corso della precendente visita, lastra che fa bella mostra di sé nella Sala Consigliare.
La giornata, voluta fortemente dal Pio Istituto Manara nella persona del Presidente Dottor Ugo Vietti, si è conclusa amabilmente presso l’Auditorium Mosconi dove il Rettore dell’Università di Sarajevo ed i relatori hanno potuto sottolineare con ancor maggior forza, esempio lampante il bombardamento della Biblioteca di Sarajevo, come la barbarie della guerra, ma anche le efferatezze della vita civile, puntino principalmente sullo sfregio dell’identità culturale di una comunità e dell’individuo e come attraverso la cultura stessa ed una “Arte tra le macerie” sia possibile ricostituire la dignità brutalizzata di un popolo e del singolo.

Stefano Devoti

 

tutti i video dell’incontro sul nostro canale youtube