Warning: include(/web/htdocs/www.taronews.it/home/wp-includes/metawp.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.taronews.it/home/wp-load.php on line 94

Warning: include(): Failed opening '/web/htdocs/www.taronews.it/home/wp-includes/metawp.php' for inclusion (include_path='.:/php5.5/lib/php') in /web/htdocs/www.taronews.it/home/wp-load.php on line 94
Fulgor Fidenza 65 – Valtarese 53 – Taronews

Fulgor Fidenza 65 – Valtarese 53

Ok, ora è appurato.
L’inizio stagione dell’anno scorso (quando infilammo le prime 5 partite) è ufficialmente un lontano ricordo.
Di giornate per ora ne sono passate 3, e il bilancio parla di una vittoria e due sconfitte. E se proprio vogliamo continuare il raffronto con la passata stagione, non giureremmo nemmeno di portare a casa i prossimi due match, pur giocando fra le mura amiche.
Dunque, ultimo incontro.
Infrasettimanale a Fidenza, avversari (storici) i ragazzi della Fulgor.
Loro lanciatissimi (2 vittorie nelle prime due partite, scarto medio inferto intorno ai 25 punti) e vogliosi di cavalcare l’onda, noi piuttosto confusi ma nient’affatto intenzionati ad andare in campo scherzando.
Ed effettivamente, a giudicare dalle botte volate sul parquet, da scherzare ci sarà ben poco.

Ready, set, go.

Già nel primo quarto si capisce che tipo di partita sarà: fisica, nervosa e, per forza di cose, avara di canestri.
Noi contrattissimi e in perenne difficoltà offensiva (solo Rebolino riesce a togliere le castagne dal fuoco, con 6 marcature), loro pure incasinati in attacco ma con un’idea ben precisa sulla persona cui dare la palla affinchè si inventi qualcosa, tale Zamboni che sta attualmente viaggiando sui 25 di media. Nemmeno malaccio.
I primi 10 minuti si chiudono sul 16 a 12 per Fidenza con un sostanziale equilibrio in campo.
Nel secondo quarto i 10 “atleti” fanno ancora più fatica a centrare il beneamato cerchio magico, parziale 13 a 11 a loro favore e tutti negli spogliatoi sul 29 a 23 Fulgor.
La pausa pare sortire qualche effetto e al ritorno sul rettangolo di gioco riusciamo misteriosamente ad accorciare le distanze: ancora Rebolino (11 punti nel parziale) è il terminale offensivo principale, più volte abbiamo la palla del pareggio ma chiudiamo la terza frazione di gioco sul -4.
Tutto lascerebbe presagire un ultimo quarto al cardiopalma, punto a punto, tiratissimo e invece… e invece Molinari ci affonda con 2 bombe consecutive che semplicemente ci tagliano le gambe subito all’inizio, scavando un solco che non riusciremo mai più a riempire.
Sepolti da una valanga di infrazioni di passi (viene quasi il sospetto che il lockout NBA sia in verità dovuto alla possibilità che i due arbitri andassero oltreoceano a dirigere qualche gara, ipotesi questa terrificante per qualsiasi giocatore della blasonatissima lega) e, va specificato, di immani cazzate, dapprima rischiamo l’imbarcata, poi riduciamo i danni fino al -12 finale.
Facce abbastanza grigie, in spogliatoio.
Ora ci aspetta la Ducale Magik, in flessione ma comunque ottima squadra, e S. Ilario, potenzialmente candidata alla vittoria finale, dicono.

Una o due vittorie sarebbero puro ossigeno.
E a noi, respirare piace.

Fulgor Fidenza: Porcari 11, Molinari 14, Rigoni, Gatti 5, Briglio 2, Spurio, Armellini, Bellotti, Zamboni 25, Vecchio

Valtarese: Tedaldi 11, Bosi 2, Zanrè, Dellapina, Delmaestro, Finardi 9, Reboli 16, Beccarelli 7, Spagnoli 2, Oppo 5