Osacca – Santa Donna Commemorazione Eccidio del 06-01-1945 – 06-01-2017

 Alta Valtaro, Bardi, Borgo Val di Taro, Borgotaro, Eventi, Interviste, Resistenza, Ricorrenze, Storia  Commenti disabilitati su Osacca – Santa Donna Commemorazione Eccidio del 06-01-1945 – 06-01-2017
Gen 112017
 


Dalla « voce» OSACCA, redatta, per l’Enciclopedia dell’Antifascismo e della Resistenza, dal Seno Ing. Giacomo Ferrari (Arta, Comandante Unico delle formazioni partigiane della provincia di Parma), che si è valso, per la stesura della « voce », della collaborazione della popolazione della località e di alcuni casalaschi superstiti dello scontro. Continue reading »

Osacca Bardi Commemorazione Battaglia di Natale 1943 Eccidio del Passo del Santa Donna

 Alta Valtaro, Bardi, Borgo Val di Taro, Borgotaro, Eventi, Interviste, Resistenza, Storia, Valceno  Commenti disabilitati su Osacca Bardi Commemorazione Battaglia di Natale 1943 Eccidio del Passo del Santa Donna
Gen 082015
 

001 manifesto
Osacca di Bardi PR
Commemorazione Battaglia di Natale 1943
Passo del Santa Donna
Commemorazione Partigiana del “Santa Donna”
06-01-2015

Borgo Val di Taro PR
Osacca Commemorazione Battaglia del 25 dicembre 1943
Passo del Santa Donna
Commemorazione Partigiana del “Santa Donna”
In ricorrenza del 70° anniversario dell’eccidio dei giovani Patrioti stroncati dai tedeschi alle pendici del Santa Donna nel gennaio del 1945
Castagnoli Giovanni ” Michele ”
Catinella Vittorio “Ratà”
Ferrari Gaspare “Gaspà”.
Ferrari Guido “Guido”.
Quotisti Gino “Manza”.
Tedaldi Armando “Bubba”.
Terroni Domenico “Gherry”
Passo del Santa Donna 06-01-2015




Chiesa di Porcigatone Corale Lirica Valtaro

audio_iconPer Ascoltare la cerimonia e il Coro aprire il file mp3
Santa Donna 2015 Cerimonia 06-01-2015
Santa Donna Porcigatone Chiesa Don Angelo 06-01-2015
Santa Donna Chiesa di Porcigatone Coro Maestro 06-01-2015
Santa Donna Chiesa di Porcigatone Coro 06-01-2015



Tratto dal libro l’Alta Valtaro nella Resistenza di Giacomo Vietti
Passo del Santa Donna 6 gennaio 1945
Il 6 Gennaio sul S. Donna
Nonostante questo avvertimento, il 6 gennaio, un’altra tragedia si abbatte sulla I° Brigata Julia, avvenimento che lascerà uno strascico profondo e causerà lacerazioni all’interno del movimento resistente borgotarese.

È il grande rastrellamento che coinvolge tutta la zona ovest della Provincia a cui partecipa una grossa colonna di alpini della Monterosa, valutati in 500 uomini, perfettamente equipaggiati per i combattimenti invernali., con tute mimetiche dotate di pattuglie di sciatori.

Le dislocazioni dei distaccamenti della I° Brigata Julia sono: a San Pietro lo Zanrè, a Caffaraccia sede del comando di Brigata l’Antolini, il Dallara a Casembola ed il Piscina a Tocaleto di Porcigatone.

Già da alcuni giorni i partigiani aspettavano l’attacco.

Prima di tutto la guarnigione tedesca di stanza a Borgotaro era stata cambiata; anzi sembra che il maggiore austriaco, comandante della piazza fosse stato fucilato sotto l’accusa di connivenza coi partigiani.

D’altro lato indicazioni erano giunte anche tramite l’interprete presso il comando tedesco Bozzia Antonio << Il Tirolo >>che aveva potuto notare una insolita animazione tra gli ufficiali.

Ma la notizia precisa dell’arrivo del grosso contingente era pervenuta la sera prima al Capo della Polizia partigiana di Borgotaro Jack, il quale dal segretario comunale aveva avuto l’informazione che un grosso quantitativo di paglia era stato inviato dentro la galleria del Borgallo dove stazionavano le truppe nemiche in attesa dell’attacco.

La sera del 5, le pattuglie della guarnigione di Borgotaro perlustravano il paese e le campagna circostante.

Una di esse sale verso Brunelli, poi passando il torrente Varacola, si spinge fino a Monticelli da dove scende in paese passando per la Ghina.

A Pradella viene uccisa una donna, Mantegari Anna, sorpresa dal coprifuoco mentre stava affrettandosi a tornare a casa.

Dalla riva sinistra del Taro viene scorta dai tedeschi: una precisa fucilata la colpisce mortalmente.

Alla sera del 5, le colonne nemiche si attestano a Monticelli nella Valle del Varacola ed alla Costella nella Val Vona.

Queste notizie e questi movimenti fanno prevedere un imminente attacco nemico, ma a causa di disfunzioni e fraintendimenti nei collegamenti non tutti i distaccamenti sono avvisati del pericolo.

La notte un’abbondante nevicata ricopre la vallata ed il mattino seguente le grosse colonne salgono la montagna dirigendosi verso Porcigatone, Caffaraccia e Casembola.

L’obbiettivo degli alpini è di sorprendere il comando di Brigata che sanno localizzato a Caffaraccia, mentre le altre colonne servono ad intercettare eventuali rinforzi partigiani o a bloccare lo sganciamento.

Scrive Dragotte nella sua relazione:

<< Al comando di Brigata si trova in quel momento il Vice Comandante Erok, io ero a Casembola al distaccamento di Gomel per un giro d’ ispezione. Tranquillo, ad un certo momento me ne vengo via accompagnato dal porta ordini di brigata e mi dirigo verso brunelli. Mentre noi scendiamo, a duecento metri in linea d’aria sulla vecchia strada che porta a Porcigatone, una colonna tedesca sta salendo: la fitta nebbia mi nasconde questo movimento >>.

I distaccamenti Antolini a Caffaraccia e Zanrè a San Pietro vengono investiti alle 11 del mattino del 6 gennaio.

Il vice comandante di Brigata Erok, in assenza di Dragotte assume il comando e dà ordine di prendere posizione di difesa coinvolgendo anche un distaccamento di garibaldini della Val Ceno che si trovavano a << Cà Grilla >>.

Il combattimento infuria per tutto il giorno; al bivio della strada di Isola di Coriago per impedire una manovra di accerchiamento proveniente da San Pietro, alla << Barbuja >> dove si respingono gli alpini che dal Passo tentano di risalire attraverso il canalone ed aggirare il paese, lungo la strada che dalla Val Vona sale a Caffaraccia che viene incessantemente battuta dalle mitraglie e dai mortai nemici.

I partigiani hanno un morto, Moroni Alessandreo <> ed un ferito. Zazzi Antonio.

Un altro partigiani è prigioniero.

Alla sera la posizione non è più difendibile; lentamente gli alpini stringono il cerchio attorno al villaggio e alle 18 viene dato l’ordine di ritirata.

Ordinatamente, passando per i sentieri dello spartiacque, i partigiani si portano a Brunelli che raggiungono di notte e quindi piccoli gruppi s’occultano.

La situazione dopo il combattimento di Caffaraccia è descritto da Gino Delmaestro: << Durante la notte ci spostammo verso Brunelli dove abbiamo nascosto le armi. Quattro di noi pernottarono alla << Barzana>>. Il mattino del 7 gennaio io, Tartan, Cavallerizzo e Angiolo, ci mettemmo in marcia per raggiungere le nostre case.

Appena attraversato il fiume Varacola, nella località << Vignole >> vedemmo un’altra colonna tedesca che proseguiva per Porcigatone. Ci fischiaro noi ed avevano le armi puntate su di noi.

Eravamo a 150 metri, avevamo una sola rivoltella e non potevamo certo difenderci,così abbiamo proseguito sotto i loro spari.

Di intralcio c’era la neve che ci impediva di camminare.

Nonostante tutto siamo riusciti a metterci in salvo.

Passammo per Monticelli ed avvertiamo tutte le famiglie di cosa stava succedendo.

Dopo ore di marcia arrivammo al << Laghetto >> dove passammo la giornata.

Non appena fece buio, di nuovo in marcia e con l’aiuto della famiglia della << Chiusa >> che ci indicavano dove stavano i tedeschi, abbiamo attraversato il fiume Taro nelle vicinanze di Borgotaro, arrivando così alle nostre case verso mezzanotte.

Restammo 6 giorni con i nostri genitori >>.

Il distaccamento Dall’ara è a Casembola.

Alla sera prima aveva avuto un’ispezione del Comandante di brigata quindi Gomel, come al solito aveva mandato pattuglie in ispezione.

Alla mattina una colonna di alpini passa silenziosa per il villaggio percorrendo, senza fermarsi il sentiero principale e dirigendosi verso Caffaraccia.

I partigiani, senza essere visti, riescono a risalire la costa ed a dirigersi verso il Ceredasco dove vengono sorpresi da una pattuglia di sciatori tedeschi.

La reazione dei partigiani è inadeguata: il gelo a messo fuori uso le armi, tuttavia il distaccamento riesce, a sfuggire scendendo verso Osacca e rifugiandosi a Bardi dove viene avvertito il Comando Unico.

L’unico ferito è il partigiano Pisa il quale, scendendo lungo il Noveglia scivola su un masso e si frattura una gamba.

Nascosto in un canalone, aspetterà la notte, quindi reagisce al gelo e strisciando come un animale ferito riesce a raggiungere Casembola dove verrà nascosto da una famiglia di contadini.

La terza colonna, arriva a Porcigatone, si era fermata presso l’osteria, i soldati si erano scaldati, avevano verificato le armi e quindi, passando per la strada del cimitero, erano saliti per prendere posizione sul passo del Santa Donna col compito di intercettare eventuali spostamenti dei partigiani.

Il distaccamento Piscina è a Tocaleto. Avendo sentito confusamente, in mezzo alla nebbia, gli spari prevenire da valle, e credendo che l’attacco fosse a Casembola, all’oscuro di informazioni, verso le 14, accorre per portare aiuto ai compagni poco prima che una staffetta inviata a Borgotaro porti informazioni sulla reale situazione.

Precede la formazione di circa sessanta uomini, comprendente anche una ventina di partigiani della beretta, una pattuglia di una decina di uomini al comando di Gherry.

Si trovava da pochi giorni a Tocaleto dove era stato inviato dal distaccamento Dallara per rafforzare il comando del Piscina.

Era stato il primo ad uscire dal rifugio con l’intenzione di accorrere in aiuto del suo vecchio distaccamento trascinando con il suo esempio l’intero gruppo di partigiani.

Il freddo è intenso, il monte coperto da una fitta nebbia, ed i partigiani avanzavano a fatica aprendosi un sentiero nell’alta neve, puntando verso il passo per poi discendere su Casembola.

Sul passo delle ombre filtrano attraverso la fitta nebbia, si fanno segnalazioni pensando si tratti di un gruppo di partigiani.

Improvvisamente la pattuglia di alpini, appostati apre il fuoco. I partigiani tentano inutilmente di reagire, il gelo ha inceppato le armi.

Le scariche falciano sette uomini della pattuglia avanzata e per la restante parte della formazione non rimane che la fuga lungo il canalone della Val Noveglia.

I partigiani sbandati, dispersi in piccoli gruppi, con una marcia di parecchie ore, riescono a salvarsi mentre sulla neve rimangono i corpi di Castagnoli nino << Michele >>, Ferrai Gaspare >, Ferrai Guido << Guido >> Quotasti Gino << Manza >>, Tedaldi Armando << Bubba >>, Terroni Domenico << Gherry >> e Catinella Vittorio << Ratà >>.

Sono tutti borgotaresi ad eccezione di Ratà, un seminarista napoletano che deportato in Germania, dopo l’8 settembre ed arruolatosi nella Monterosa, era arrivato in Italia nell’agosto del’44, aveva disertato e si era unito ai partigiani.

La pattuglia nemica scende su luogo dove giacciono i corpi: alcuni sono morti, altri, feriti, vengono finiti con il calci dei fucili; i corpi verranno trovato alcuni gironi dopo dai contadini del luogo: portano i segni della violenza fascista. Il corpo di Gherry verrà trovato dopo qualche settimana sepolto sotto uno spesso strato di neve ammucchiata dalla tormenta.

Pure feriti nello scontro Catozzi Umberto e Ruggeri Maurizio; aiutati dai compagni riescono a salvarsi.

Quest’ultimo, portato sulle spalle di un robusto partigiano, viene lasciato in custodia presso una famiglia di contadini; nel corso del rastrellamento verrà sorpreso da una pattuglia tedesca ed arrestato.

Curato in un ospedale militare, riuscirà successivamente a fuggire ed a raggiungere i suoi compagni.

Anche il gruppo di partigiani di guardia ai prigionieri riesce a sfuggire al rastrellamento.

All’arrivo degli alpini a Porcigatone, il gruppo di stanza a Cà di Gandi, riesce a trasferirsi con i prigionieri a Ronco Desiderio nel comune di Compiano quindi incalzato dai rastrellatori, si sposta a Strela, quindi successivamente a Caboara, Sidolo, Drugara.

Alla fine del rastrellamento dopo 6 giorni di continue marcie, ritorna a Tocaleto con un solo prigioniero perso: un alpino della Monterosa, che ormai si era affiatato coi partigiani e che durante i continui trasferimenti faceva servizio d’ispezione. Catturato dai tedeschi, era stato fucilato.

Anche i distaccamento Gardelli di stanza a Pessola viene nuovamente investito dal rastrellamento del 6 gennaio.

Avvistati da una staffetta che una grossa colonna di Bersaglieri della << Divisione Italia >> era partita da Solignano e si stava avvicinando, i partigiani si rifugiano alle pendici del Monte Dosso al riparo di una casa posta in posizione dominante.

Al pomeriggio del giorno 7, la colonna nazifascista attacca è costretta a retrocedere dopo aver lasciato sul terreno tre morti per la reazione dei partigiani.

Rifugiatasi nell’abitato i Bersaglieri lanciano razzi luminosi chiedendo rinforzi.

Ma alla notte i partigiani si eclissano.

Il grosso del distaccamento riesce a passare nella Valle del Ceno ed a sfuggire al rastrellamento ma un gruppo,sbandatosi ed occultandosi nei cascinali di Ronco di Prelerna, Bottone, Bojo, viene scoperto e fatto prigioniero. I partigiani sono condotti a Fornovo insieme agli ostaggi civili rastrellati.

Dopo qualche tempo gli ostaggi verranno rilasciati, mentre i partigiani saranno inviati al campo di Mathausen e tredici di loro finiranno nelle camere a gas dei nazisti: Ferrari Ferruccio << Resistere >, Mussi Mario << Gemona >>, Malcotti Mario << Salto >>, Frigeri Eugenio << Tartan >>, Cabassa Bartolomeo << Alberto >>, Fochi Giuseppe << Lupo >>, Agnetti Antonio << Guido >>, Coprini Albino << Bino >>, Bertoncini Adelmo << Picco >>, Lusardi Luigi << Antonio >>, Borratti Giudo, Malcotti Artemio << Spiga >>, Ronco Eugenio << Savona >>.

Grassi Oreste << Sillà >> verrà fucilato a Vigatto il 20 gennaio per rappresaglia contro un’azione dei partigiani.

Tutti i paesi e le frazioni investite dal rastrellamento verranno occupate dai tedeschi, che controlleranno per alcuni giorni tutte le case, e le cascine, alla caccia di qualche partigiano sbandato o ferito.

A Caffaraccia viene uccisa una ragazza, Ruggeri Angela, mentre, mentre stava portando i viveri ai partigiani nascosti. I tedeschi avevano già notato i movimenti della donna ed il pomeriggio dell’8 gennaio la colpiscono mortalmente sparandole dal campanile della Chiesa dove si erano messi in osservazione.

La tragedia del Santa Donna ha largo eco tra la popolazione borgotarese e coinvolge anche il comando della I Brigata Julia.

Dragotte e Giorgione vengono sottoposti ad una rude inquisizione da parte dei comandanti dei distaccamenti che li accusano di non essere stati presenti, al loro posto di comando, al momento dell’attacco tedesco del 6 gennaio e di non aver organizzato un efficace servizio di informazioni a tutti i distaccamenti all’approssimarsi della grossa formazione nemica.

Per questi motivi vengono destituiti ed al loro posto vengono eletti Libero come Comandante e benci Giovanni << Lino >> come Commissario. Mentre Giorgione accetterà l’incarico presso il Comando Unico.

Dragotte reagirà con energia dando vita ad una nuova formazione partigiana:

Il << Gruppo d’Azione Val Taro >> costituito da circa 150 partigiani, tutti comunisti con Jack quale Commissario Politico.

La scissione della I Brigata Julia, conseguente ad una crisi militare, così come altre scissioni, è anche motivata da contrasti politici, tra democristiani e comunisti.

Dragotte, infatti, già comandante del gruppo Penna, figura tra le più rappresentative della Resistenza borgotarese,ed uno dei protagonisti dei combattimenti partigiani della nostra zona, veniva travolto da un infortunio, che, anche se carico di tragiche conseguenze, non poteva certo oscurare i suoi meriti di combattente.

Resta il fatto che durante tutto l’inverno a seguito degli accordi coi tedeschi, ma anche per la stanchezza di questa guerra che sembrava non dovesse mai finire, si era stabilito un clima di rilassatezza, che aveva fatto allentare la vigilanza e trascurare le possibilità del pericolo, e di questa situazione non era il solo Dragotte ad essere responsabile, ma più o meno tutti i capi partigiani della Val Taro.

A questa situazione andava scritta la vera causa della tragedia anche se nell’imminenza del pericolo si erano verificate delle disfunzioni nei collegamenti e nei servizi di informazione di cui certamente i comandanti erano direttamente responsabili.

Ma questo si deve aggiungere anche il fatto che Dragotte, partito da posizioni monarchiche e badogliani, si era gradualmente avvicinato a posizioni comuniste e questo certamente cambiava il quadro difficile di equilibri politici che volevano nella Val Taro una preminenza di formazioni non comuniste.

Ed in effetti anche la costituzione della nuova formazione, il << Gruppo d’Azione della Val Taro >>, fortemente caratterizzata dai partigiani comunisti borgotaresi, fedeli a Dragotte, era stato il motivo di contrasti al vertice del Comando Unico dove Pellizzari, nell’acconsentire al riconoscimento del nuovo gruppo , aveva imposto un limite massimo di 100 effettivi in modo che la formazione non potesse assumere il rango di Brigata.

Si ha insomma nella vicenda la manifestazione di problemi militari e locali acutizzati da contrasti politici, che riguardavano l’immediato ma che interessavano in prospettiva la geografia politica del dopo guerra.

All’esigenza fondamentale di salvaguardare l’unità al vertice del movimento, necessario a condurre la lotta antifascista con la massima efficacia si soprapponevano tacite intese di spartizione territoriale in zone di influenza.

Comunicato Diaspro Rosso Gestione Castello di Bardi 04-03-2014

 Bardi, Conferenze Stampa, Eventi, Storia, Valceno  Commenti disabilitati su Comunicato Diaspro Rosso Gestione Castello di Bardi 04-03-2014
Mar 142014
 


Bardi, 4 marzo 2014-03-03
BARDI
Contatto stampa: DAVIDE GALLI, cell. 334-6506029 – mail ufficiostampa@diasprorosso.com

COMUNICATO STAMPA:
DIASPRO ROSSO TORNA A GESTIRE IL CASTELLO DI BARDI PER I PROSSIMI 5 ANNI

La cooperativa sociale bardigiana “Onlus Diaspro Rosso” ha vinto la gara d’appalto per la gestione quinquennale per la gestione del Castello di Bardi, da marzo 2014 a febbraio 2019.
Cooperativa nata nel 2011 con l’obiettivo di raccogliere e rilanciare il know-how della storica cooperativa bardigiana “Diaspro Rosso”, da cui ha acquisito formalmente nome e marchio, facendo patrimonio, quindi, dell’esperienza di quasi 20 anni nella gestione del Castello stesso. Anni di eventi con crescente successo che avevano fatto registrare record di accessi ampiamente insuperati fino ad arrivare a 39.000 persone nel 2006. Negli ultimi 3 anni Diaspro Rosso, con il preciso scopo di rimanere attiva e ampliare il proprio bagaglio esperienziale, ha organizzato eventi in altri castelli della Val Ceno registrando anche in quei casi record di partecipazione che mai si erano visti. In particolare nel Castello di Varano de’ Melegari.
L’obiettivo iniziale è stato quello di mettere in sinergia le varie esperienze territoriali sempre in ambito cooperativo maturate nel tempo; al fine di sostenere la creazione di una rete di collaborazioni volte all’inserimento di persone svantaggiate. Per tali motivi la cooperativa aderisce al Consorzio Sociale Fantasia, con il quale collabora all’interno di un coordinamento, per la gestione di diversi servizi.
Una cooperativa bardigiana significa anche il coinvolgimento di personale valcenese, già qualificato e da formare, coadiuvato da figure con esperienze di livello internazionale che hanno partecipato alla stesura del progetto vincente. Almeno 7 persone per gestire i turni di presenza, sorveglianza, biglietteria e soprattutto per le visite guidate. Coadiuvate da team specifici per la promozione, il marketing e la gestione dei grandi eventi. È già iniziata la formazione in vista della riapertura con nuova gestione che avverrà mercoledì 12 marzo.

Il Castello di Bardi esce da un profondo intervento di restauro che oggi consente di usufruire della maggior parte degli spazi con un’immagine di facciata estremamente attraente.
Il Castello come “volano” per il rilancio dell’economia di vallata nella creazione di eventi trasversali che riescano a superare le imponenti mura, dove non si sia più un limite tra il “dentro” e il “fuori” in sinergia continua con le strutture turistiche e le aziende del territorio e anche con le grandi agenzie e i tour operator nazionali, nonché le aziende nazionali e multinazionali per conventions ed eventi.
In questa logica si inserisce la collaborazione con il Centro Studi Valceno che, grazie all’energica e brillante presidenza dell’Ing. Andrea Pontremoli, si occuperà specificatamente dello sviluppo di iniziative in ambito archeologico, storico e culturale in genere con l’obiettivo di creare lo sviluppo del concetto di Comunità esteso ad un ben più ampio “sistema di Valle”.
Verranno messe a disposizione del Progetto le notevoli conoscenze degli Associati, le numerose pubblicazioni, i reperti gelosamente custoditi, la rete di conoscenze in ambito Universitario e di Ricerca coinvolgendo Professori e giovani ricercatori per sviluppare Tesi atte a riscoprire il nostro passato per contribuire a dare un futuro alla nostra Valle. Da segnalare che il Centro Studi possiede il Museo della Civiltà Valligiana e che ha ideato, progettato ed allestito il Museo Archeologico di Valle (di prossima apertura) ambedue posizionati all’interno del Castello.
Prevista per sabato 22 marzo l’inaugurazione del Bastione di Artiglieria fatto costruire da Manfredo Landi il ‘Magnifico’ nel XV secolo. Uno straordinario recupero di un’area inaccessibile da secoli dove nell’occasione si terrà la conferenza stampa con l’illustrazione delle novità e dei progetti della nuova gestione.
Già in programma il primo grande evento, con il ritorno di un classico che con la gestione Diaspro Rosso ha sempre fatto registrare il tutto esaurito, con i parcheggi del paese saturati dai camper con relative famiglie a usufruire dell’ospitalità e ristorazione locale: PASQUA E PASQUETTA NEL MEDIOEVO. Domenica 20 aprile la manifestazione “Bardi storica”, un accampamento vivente dove armati si esercitano, donne lavoreranno cucendo o preparando da mangiare per i membri dell’accampamento. Il tutto fedelmente allestito con cura nei dettagli.
Con sfilata storica per tutto il paese e battaglia medioevale: con macchine d’assedio, palle e frecce infuocate, scontri fra linee di fanti, scontri con spade e picche, muri di scudi, imboscate e tecniche di assedio. Lunedì 21 aprile il “Grande Tenzone Medievale”, torneo di cavalieri vestiti di armi ed armature vere, pronti a battersi in spettacolari duelli con balzi, cadute e colpi di scena, con le gesta di cavalieri venuti da tutto il mondo conosciuto per difendere o reclamare il feudo di Bardi.
Previsto un ricco calendario di eventi con gli eventi che avevano reso famoso il castello durante la gestione della cooperativa: le notti horror, le cene con delitto, gli eventi fantasy per bambini e ovviamente Halloween, ma anche eventi specifici legati al Natale.
Grande attenzione come sempre sarà rivolta ai progetti didattici con l’inserimento del castello nel circuito “Magici Castelli”, il circuito raggruppa e pubblicizza 30 castelli fra nord e centro Italia, l’adesione ad organizzazioni di turismo scolastico come GIROBUS VIAGGI con la predisposizione di pacchetti che comprendano la visita al Castello ed altre iniziative come la visita alla Pala del Parmigianino, visita ai caseifici di Parmigiano Reggiano, brevi passeggiate sui percorsi sentieristici per es. via degli Abati.
Nel 2012 infatti Diaspro Rosso ha dato vita all’importantissimo settore “ESCURSIONISMO E AMBIENTE” grazie alla presenza, nella compagine sociale, delle prime Guide Ambientali Escursionistiche abilitate in Val Ceno. Questo nuovo ramo di attività ha dato forma all’idea della promozione di Bardi e della Val Ceno, che intende essere la strategia di valorizzazione anche del Castello, attraverso i suoi principali elementi di forza: storia, territorio e ambiente. Verranno quindi predisposti pacchetti turistici di visita dell’ex Principato Landi con percorsi da castello a castello e sulle vie storiche a piedi, in mountain bike e a cavallo (in collaborazione con il locale Centro Ippico).

Un filone da sviluppare con particolare attenzione è quello degli eventi e conventions aziendali, per completare l’accoglienza in periodi infrasettimanali o comunque non turisticamente rilevanti. La società ITALTRADE (leader nazionale nella gestione di promomarketing per gli eventi sportivi) ha già un accordo con DIASPRO ROSSO per eventuali presentazioni in Castello di prodotti per alcune aziende presenti alla Fiera CIBUS di Parma, oltre che di organizzazione di eventi promozionali o necessità di location per materiale pubblicitario. Ha proposto anche un torneo di Beach Volley Elite con loro cliente di materiale tecnico sportivo per il mese di giugno/luglio.Verrà valutato per l’estate 2014 un maxischermo per proiezione Mondiali di Calcio 2014 e Cinefestival

La combinazione della logica di giusto ritorno economico per la Onlus Diaspro Rosso Scrl e delle Società ad essa collegate con quella di puro volontariato del Centro Studi Valceno possono essere un esempio di coinvolgimento virtuoso della Società civile atta a rendere sempre più partecipe la popolazione della Val Ceno al successo dell’iniziativa con il sogno di poter creare un sereno futuro per le prossime generazioni.

70 ° del Combattimento di Natale del 1943 Osacca di Bardi PR 24-12-2013

 Bardi, Eventi, Resistenza, Storia, Valceno  Commenti disabilitati su 70 ° del Combattimento di Natale del 1943 Osacca di Bardi PR 24-12-2013
Dic 302013
 

Osacca 24 dicembre 19943

Non sembri strano se, per inquadrare convenientemente lo scontro di Osacca, mi sono servito, come in una specie di collage, della parte introdut­tiva di testimonianze scritte o narrazioni dell’episodio fatte da altri. Il fatto è che mi è subito parso evidente come da questi scritti risaltassero, efficace­mente descritte e delineate, quelle che furono le componenti fondamentali e primarie di quel fenomeno composito e esaltante che fu il movimento par­tigiano; e ne furono poi il tessuto permanente: il lavoro organizzativo e la spinta ideale dell’antifascismo militante; lo slancio spontaneo dei giovani desiderosi di libertà e giustizia sociale; il rifiuto, da parte dei soldati, d’una guerra non loro e d’un alleato che s’era sempre comportato da sprezzante padrone; il desiderio di pace delle popolazioni, al quale, per quelle neglette della montagna, s’univa l’aspirazione d’uscire dalla dimenticanza e dall’im­mobilismo in cui per secoli erano state lasciate. Continue reading »