storia di sant'alberto di trapani

0 Comment

Probabilmente nacque a Trapani … All’interno del Santuario Maria SS. La madre ricordò al marito, desideroso di provvedere all’avvenire del figlio con un contratto tanto vantaggioso per il casato, che non voleva venir meno alla promessa fatta alla SS. La costruzione iniziò nel 1681 e fu completata nel 1700. Il Santo è invocato anche contro i terremoti e le ossessioni. XV. Aggiunto/modificato il 2012-07-26, Sostienici e avrai TUTTE le immagini di Santiebeati Amen. Questo per noi avvenne non solo perché egli è un santo siciliano, ma anche perché la nostra Santa Madre Teresa ebbe per lui una devozione particolare; lei lo invocava come “Padre”, lo riconobbe più volte in visione, a lui ha attribuito delle ispirazioni importanti e si preoccupò anche di pubblicarne la “Vita”, per farlo conoscere e amare dalle sue monache e dai frati scalzi. Al cap 40, 13 parla di una visione profetica avvenuta mentre pregava davanti al SS. Giunto il funebre corteo dal Convento dei Carmelitani alla Cattedrale e deposto il cadavere presso l’altare, sorse aspra contesa fra il clero ed il popolo, perché i sacerdoti in omaggio alle prescrizioni della santa Chiesa si disponevano a celebrare la Messa dei defunti, mentre il popolo ad ogni costo voleva che la liturgia fosse quella dei santi. L’ozio gli riusciva sempre insopportabile. Venne così additato come esempio di vero carmelitano, tutto dedito all'austerità e alle opere apostoliche e, verso il 1287, fu nominato, meritatamente, Superiore provinciale dell'Ordine per la Sicilia. Vi furono però alcuni religiosi ‘zelanti’ (tra cui sembra anche qualcuno del governo centrale dell’Ordine) che si opposero a tale concessione. Il cielo stesso, si narra, volle dirimere la controversia sorta tra il clero ed il popolo circa la specie di Messa da celebrare in tale occasione: due angeli apparvero ed intonarono l’Os iusti, l’Introito della Messa dei confessori. Conoscendo a questo proposito il disastro che sta avvenendo in questo nostro mondo, i comportamenti più spregiudicati a tutti i livelli, quale mentalità sta dilagando, favorita dalla prepotenza invadente dei mezzi di comunicazione, noi, religiosi e laici carmelitani, non possiamo vivere nella presunzione di non aver bisogno di molta vigilanza, di fare scelte chiare e controcorrente, di preghiere come questa, se non vogliamo rischiare di perdere la beatitudine dei puri di cuore, indispensabile alla vita di orazione e di contemplazione e di attesa della visione di Dio. La Statua di Sant'Alberto, poi, lascia ogni anno il Santuario della Madonna di Trapani (dove risiede per tutto l'anno nella cappella a lui dedicata) a bordo di un carro trainato da devoti per raggiungere dapprima il sindaco di Trapani che gli consegna le chiavi, e poi la Cattedrale di San Lorenzo dove si celebrano le S.Messe in Suo onore. Di qui un nuovo ricorso, sempre alla suddetta Congregazione dei Vescovi e Regolari, e, attraverso vie poco chiare, detti “zelanti” ottennero la sospensione del breve pontificio. Il Papa, a quanto pare, ascoltato il parere dei Cardinali, permise a viva voce la venerazione del Santo confessore Alberto. Una Vita del Santo, composta nella seconda metà del XIV secolo, è giunta a noi in molte copie o rifacimenti del sec. All’offertorio egli cominciò a pregare per tutto il tempo e dopo che finì, una voce dal cielo parlò dicendo:”EXAUDIVIT DEUS PRECES TUAS!” che significa: “Dio ha esaudito le tue preghiere”. Ad Agrigento si mostra un pozzo, che esiste ancora, di cui egli raddolcì l’acqua molto amara; a Corleone il recipiente in cui conservava l’assenzio; a Petralia Soprana una pietra su cui riposò. Trascorso il periodo di formazione e divenuto sacerdote fu mandato a Messina dai superiori. Viva Maria e Santu Libbettu! XVII - mentre compie i suoi miracoli. In questa Cappella, di gusto barocco, si custodisce la Statua reliquario argenteo di Sant’ Alberto. Martirologio Romano: A Messina, sant’Alberto degli Abbati, sacerdote dell’Ordine dei Carmelitani, che con la sua predicazione convertì molti Giudei a Cristo e provvide di viveri la città assediata. Alberto si distinse per la predicazione mendicante, operando anche numerosi miracoli. La tradizione - La tradizione vuole che la Statua di Sant'Alberto torni al Santuario il 10 agosto, ma per problemi di concomitanza con la festa di San Lorenzo, da qualche anno, dal 2001 il ritorno avviene il 9 agosto anzichè il 10, con le campane che suonano a festa, tra due ali di folla festante che accoglie il Santo con le celebri e caratteristiche grida: "Ittamuccilla 'na santa uci! L’arcivescovo Guidotto de Tabbiatis († 1333) con molto Clero, ed il re Federico III d’Aragona con molto seguito, ad imitazione del popolo si portarono a visitare la salma venerata, dimostrando così quanto fosse grande la loro riconoscenza all’insigne religioso che tanto aveva beneficato la città dello Stretto. Fu una confidente di una promessa della Madonna. Generoso nella predicazione della Parola di Dio e famoso per prodigi, fu per alcuni anni (attorno al 1296) superiore Provinciale dei Carmelitani di Sicilia; morì a Messina il 7 agosto 1307 con fama di santità. Fu questo l’anno in cui Trapani si liberò dal flagello della peste e i trapanesi vollero onorare il Santo Patrono con delle manifestazioni. Vedendo che tutta la città era in crisi, egli fece andare via tutte le persone che non erano abili al lavoro, ma, nonostante ciò, la situazione era sempre più grave. Alla fine, il 10 novembre 1702 venne decretato irrito e nullo quanto ottenuto dagli “zelanti” e si dava piena soddisfazione agli studenti della Traspontina, confermando quanto già essi avevano ottenuto dal Papa. Nella sua Autobiografia S. Teresa ci ha lasciato delle tracce che ci fanno risalire al motivo di tanta devozione per S. Alberto. Sarà il primo santo carmelitano dichiarato tale dalla Chiesa. Clicca qui per richiederlo. Quando il capitolo generale del 1704 aggiornò semplicemente la parte delle costituzioni che trattava degli studi, eliminando leggi e ordinanze stabilite da Villalobos “diritti” essi offrirono al priore generale in segno di riverenza il quadro di S. Alberto, di cui non si conosce l’autore. Oggi la festa di Sant’Alberto viene celebrata in modo diverso. Poco dopo Alberto venne mandato dai Superiori all’altra estremità dell’isola, nel convento carmelitano di Messina e liberò la città, assediata dal Duca di Calabria, dalla fame causata da un assedio: alcune navi cariche di vettovaglie passarono miracolosamente attraverso gli assedianti. Sacramento. Da vedere a Trapani (Sicilia): "Chiesa di Sant'Alberto" Uno dei luoghi di interesse religioso/culturale presenti nel Comune di Trapani, è "Chiesa di Sant'Alberto". Antonio de Pereda, S. Alberto da TrapaniAlberto nacque - dopo ventisei anni di matrimonio sterile - da Benedetto degli Abati e da Giovanna Palizi, che promisero di consacrarlo al Signore. Il busto del Santo viene trasportato in processione dalla Basilica dell’Annunziata, in cui è custodito, fino alla Cattedrale, in cui resta fino al 9 agosto. A Piazza Armerina gli sarebbe stata eretta la prima cappella. La santa in quell’occasione avendo chiesto consiglio sul futuro della Riforma Carmelitana, ricevette la risposta da Sant’Alberto che gli “scalzi” avrebbero dovuto avere una gerarchia propria e distinta da quella dei “mitigati”. Già i brevi cenni storici indicati ci devono richiamare a una volontà del Signore nei riguardi del Carmelo di Sicilia: da secoli Sant’Alberto è il nostro patrono, il custode del nostro Carmelo. Durante i festeggiamenti si svolgevano anche vari giochi come u jocu di pignateddi, u jocu da pertica e da paredda n’sapunata e a cursa ri sacchi. In alto a sinistra (come in opposizione) è la Madre di Dio e il Cristo Bambino avvolti da nubi: la “Regina del Carmelo” porta al braccio sinistro lo scapolare; Gesù, con la mano destra, porge al Santo un giglio mentre con la sinistra mostra il rotolo con la scritta: Sempre a sinistra è una palma che rievoca il Paradiso celeste promesso ai giusti (Salmo 91: Il fondo dell’icona è d’oro: l’oro significa luce, luce eterna. E così, ancora recentemente, il nostro Definitorio Generale, il 10 ottobre 1998, nel Decreto di erezione ripropose il titolo di Sant’Alberto per il nostro Commissariato. Se continui ad utilizzare questo sito sei il benvenuto! Nell'ultima riforma liturgica è stato concesso il grado di festa per S. Alberto per i Carmelitani e di memoria per i Carmelitani Scalzi. Il 7 agosto, giorno della festa, veniva celebrata la messa solenne presso la Chiesa Madre reggente e poi si partecipava alla processione per le vie della città.

San Pancrazio - Roma Matrimonio, Circolare Inps Pensione Con 15 Anni Di Contributi, Calorie Aperol Spritz, Cane In Vacanza, Iscriversi Al Conservatorio A 40 Anni, Il Piave Mormorò Testo, Concerti Gratis Puglia, Film Famosi Zeffirelli, Casati Del Sud, Onomastico 21 Maggio, Santa Lucia Luntana Spartito,