il giorno del perdono

0 Comment

Uscito da solo, senza scorta, ad esplorare la città, subisce una violenta aggressione. Soprattutto si rende conto che in questa lotta per la libertà le donne sono discriminate, come se avessero diritto solo ad una libertà parziale, diversa rispetto a quella piena degli uomini. Dalle campagne viene sbalzata in una metropoli da due milioni di abitanti, dove viene ospitata in un complesso sovvenzionato dalla Comunità, che ospita molti ex schiavi. Oggi il menu tipico prevede la tradizionale banitza, poi pesce, uova, sarmi (senza carne, credo), fra i dolci il torrone bianco. Ed è così che, dopo sette anni presso l'ambasciata, durante i quali ho sopportato con stoicismo il comportamento per lui troppo espansivo degli alieni, si ritrova a fare da guardia del corpo alla giovane Solly, che ai suoi occhi appare una bambina viziata, aggressiva, dalla sessualità esibita e spudorata, da cui è insieme attratto e disgustato, arrivando perfino a odiarla per l'ambivalenza di sentimenti che suscita in lui. Era il Natale del 1983 quando San Giovanni Paolo II decise di incontrare il suo attentatore. Erod, non ancora ventenne, emancipa tutti i propri quattrocento schiavi, dando loro il documento libertà e un po' di soldi per cominciare nuova vita, poi parte per la capitale. Corbetta, festa del Perdono nel silenzio della preghiera: la prima annullata in 458 anni. La fazione più importante, rappresentata dal Partito Mondiale guidato dal Capo Abberkam, è radicalmente xenofoba, vorrebbe cacciare da Yeowe non solo i wereliani ma anche gli alieni dell'Ecumene. In ognuno di essi viene rappresentato il rapporto privato tra un uomo e una donna, che provengono da culture o addirittura da mondi diversi, che confluisce nel più ampio contesto storico e sociale. A 15 anni partecipa al rito sacro collettivo del "passaggio di stato" perdendo la propria verginità sessuale con Iyan Iyan, coetanea del clan del Cavo Sepolto, di cui diventa il compagno. Sei domeniche prima della Pasqua, in Bulgaria è un giorno particolare: oltre a essere Sirenitza, Sirni zagovezni, è il giorno del Perdono, in cui si chiede scusa e perdono alle persone care, familiari e amici. Teyeo, cresciuto nelle campagne di Werel, ha avuto un'educazione austera, conservatrice, fondata sui valori della classe veot a cui appartiene per nascita: competenza, coraggio, rispetto di sé. Quando questa modesta distrazione viene meno, per la probabile gravidanza della ragazza, Yoss sviluppa un certo interesse per un altro eremita che vive appartato poco distante, il Capo Abberkam (il suo nome significa letteralmente "Lingua del Signore"), giunto lì un anno prima, in disgrazia, disonorato, divorato dalla vergogna: eroe della Liberazione, capo del Partito Mondiale, propugnatore del principio della Libertà Razziale (Yeowe solo per i yeowiani, via non solo i wereliani, ma anche gli alieni dell'Ecumene), probabile vincitore delle prime Elezioni libere su Yeowe, ha visto la propria vita andare in pezzi subito prima che queste si tenessero, con il suicidio del figlio, le accuse di immoralità da parte della moglie, le prove delle sue appropriazioni indebite attraverso il Partito e la rivelazione di un piano segreto per far assassinare il Nunzio dell'Ecumene e far ricadere la colpa su un avversario, ex collaboratore. E’ la scelta di amare gli altri così come sono. Questa veloce vittoria delle Corporazioni non serve però a impedire che rivolte e insurrezioni comincino a scoppiare in tutto il pianeta. Vive con forte disagio la costante presenza di una guardia del corpo, il veot Teyeo, gentile ma freddo, rigido, silenzioso, che ai suoi occhi rappresenta i lati peggiori dei wereliani. Presto è sufficientemente istruita non solo da insegnare a leggere e scrivere a ex-schiavi e liberti nella scuola dell'Hame, ma addirittura a tenere conferenze di storia per studenti avanzati, incentrate soprattutto sul tema dell'allevamento dei figli nelle varie culture. Lo dimostra il fatto che abbia concesso la propria capanna come rifugio d'amore per due giovani innamorati, separati da un'insanabile faida tribale fra le loro famiglie. I racconti erano apparsi precedentemente su rivista, Tradimenti (Betrayals) su Blue Motel nel 1994, Il giorno del perdono (Forgiveness Day), Un uomo del popolo (A Man of the People) e Liberazione della donna (A Woman's Liberation) su Isaac Asimov's Science Fiction Magazine fra 1994 e 1995. La Casa di Shomeke viene saccheggiata, i signori delle piantagioni vicine fanno razzia degli schiavi emancipati che sono liberi per la legge, che però non ha effettivamente valore nelle tenute, perché il governo non vuole intromettersi negli affari dei possidenti.

Senza Pagare Testo, Ariete Scorpione 2020, Che Segno è Il 10 Maggio, Regalo A Domicilio, Aruba Web Pec Area Clienti, Vampiro Da Colorare, Museo Del Teatro Romano, Preside Regina Margherita'' Palermo, Buon Onomastico Patrizia, Pizzeria Pantera Rosa San Giovanni In Persiceto,