filippo ii di spagna riassunto

0 Comment

Questo comportava che esistevano non una ma diverse assemblee che conservavano poteri non irrilevanti in campo legislativo e fiscale; esse erano le Cortes Generales per la Castiglia e la Navarra, le Cortes del Regno d'Aragona, la Generalitat de Catalunya per la contea di Catalogna e la Generalitat Valenciana per il Regno di Valencia. Infatti, generalmente, la società anglo americana, principale avversario del re, mantenne un'opinione estremamente negativa sul conto di Filippo II di cui l'opera di James Johnnot Ten Great Events in History (1887) fu un esempio per la descrizione del sovrano come "vano, bigotto, ambizioso (...), senza scrupoli nella ricerca dei mezzi" e che "vietando la libertà di pensiero, pose fine al progresso intellettuale del suo paese". Per tali motivi, l'autorità degli Asburgo era assai debole e in ogni momento poteva essere posta in discussione da tali assemblee locali, espressione della nobiltà e dei ceti borghesi locali (questi ultimi erano particolarmente potenti nella Generalitat de Catalunya). Riassunto su Filippo II di Spagna, figlio di Carlo V d'Asburgo: l'egemonia del Mediterraneo, la guerra contro i Turchi, la rivolta dei Paesi Bassi, la spedizione contro l'Inghilterra, le guerre di religione in Francia e i calvinisti, Storia moderna — Sebbene poi i coniugi regnassero congiuntamente, come dimostra il sigillo regio e la coniazione[40], sia in Inghilterra quanto in Irlanda furono disposti degli atti che negavano a Filippo ogni autorità in caso di tradimento[43]. I Consigli erano formati da giuridici ed ecclesiastici appartenenti alla borghesia e le cariche erano messe in vendita (VENALITÀ DEGLI UFFIZI = vendita delle cariche pubbliche): svantaggio non viene rispettato il criterio della meritocrazia; vantaggio  lo stato riceveva denaro. Dieci ragioni per cui si puo' dire sovrano assoluto! Nel 1596 ormai il costo degli interessi era divenuto talmente elevato da incidere per il 40% delle entrate del regno e Filippo II, privo di risorse, in guerra contro la Francia dichiarò per la quarta volta bancarotta. All'età di undici mesi, nell'aprile del 1528, ricevette il giuramento di fedeltà come erede alla corona dalle Cortes di Castiglia; rimase sotto le cure della madre, Isabella d'Aviz, e delle sue dame portoghesi fino alla di lei morte, nel 1539. Ogni provincia, pur sotto il controllo di un viceré, dipendente direttamente da Filippo II, conservava i diritti e le competenze sovrane antecedenti all'unione con la Castiglia mentre il sovrano, in caso di conflitti, avrebbe dovuto assumere il ruolo di arbitro finale. Infatti, col tempo, Elisabetta prese ad appoggiare in modo sempre più massiccio i ribelli dei Paesi Bassi e incominciò una vera e propria guerra di corsa nelle Americhe allo scopo di saccheggiare i galeoni spagnoli. Lo scopo dell'intervento fu la deposizione dell'ugonotto Enrico IV di Francia per sostituirlo con la propria figlia prediletta, Isabella Clara Eugenia d'Asburgo la quale traeva i propri diritti successori dalla madre, Elisabetta di Valois, terza moglie di Filippo II. Tale lotta lo impegnò per tutta la vita né mai cedette a compromessi: combatté contro le eresie anche su più fronti piuttosto che concedere la libertà di culto nei suoi territori. Tale rigida politica fu applicata in primo luogo nei Paesi Bassi dove, durante il regno di Carlo V, il protestantesimo e il calvinismo avevano posto profonde radici. Fallì anche il suo coinvolgimento, a sostegno della lega cattolica nelle guerre di religione francesi, attuato per impedire l'ascesa al trono di un ugonotto. to the Death of Elizabeth (1547–1603), The Seventh Window: The King's Window Donated by Philip II and Mary Tudor to Sint Janskerk in Gouda (1557), Ireland in the age of the Tudors: the destruction of Hiberno-Norman civilization, The Diversity of History: Essays in Honour of Sir Henry Butterfield, The Great Favourite: the Duke of Lerma and the court and government of Philip III of Spain, 1598–1621, Rebels and Rulers, 1500–1660,volume II:Revolutionary civil wars, 1560–1660, Antonio Pérez: el hombre, el teatro, la época, Ferdinando d'Asburgo, principe delle Asturie, Gran maestro dell'Ordine militare di Santa Maria di Montesa, Gran maestro dell'Ordine militare di Alcántara, Gran maestro dell'Ordine militare di Calatrava, Gran maestro del Reale Ordine militare del Cristo (Portogallo), Gran maestro del Reale Ordine della Torre e della Spada, del valore, lealtà e merito, Gran maestro dell'Ordine militare di San Giacomo della Spada, Cavaliere straniero del Nobilissimo Ordine della Giarrettiera, Siracusa in età spagnola: da Carlo V al Grande assedio di Malta, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Filippo_II_di_Spagna&oldid=116156996, Sepolti nella Cripta Reale del monastero dell'Escorial, P648 multipla letta da Wikidata senza qualificatore, Voci biografiche con codici di controllo di autorità, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo, Scudo d'arme di Filippo come Re d'Inghilterra, Stemma con supporti, creste di piume e motto, Altissimo, Sereno e Potente signore, Re del Portogallo e dell'Algarve, di qua e di là del mare in Africa, Signore della. Nel 1569, esacerbati dalle campagne di conversione al cattolicesimo e dai tentativi di assimilazione, si ribellarono e solo a fatica Filippo II poté ristabilire il proprio dominio, ordinando di disperdere i moriscos presso altre province per meglio controllarli. Sebbene sia stato descritto come un monarca assoluto, Filippo II dovette affrontare non pochi vincoli alla sua autorità. Il conflitto fu ricomposto solo l'anno seguente con la convocazione delle cortes aragonesi a Tarazona con cui Filippo, in cambio di maggiori stanziamenti, ottenne la limitazione di alcuni privilegi locali; Antonio Pérez, invece, fuggì in Francia e poi in Inghilterra dove morì nel 1611. Biografia di Filippo d’Asburgo, l’intransigente difensore del cattolicesimo Re di Spagna. Egli … In ogni caso, dispose pensioni e compensazioni per le famiglie dei caduti dell'Invicibile Armada e istituì l'imposta dei millones[48] per armare una nuova marina tentando di curare i rifornimenti e le reti di intelligence. La successione nei Paesi Bassi fu, invece, meno traumatica dal momento che già nel 1549, Carlo V, con una Prammatica Sanzione, istituì il titolo di "Signore dei Paesi Bassi" per indicare l'unificazione sotto un unico governo delle diciassette province preesistenti e impose che alla sua morte tale titolo sarebbe passato al figlio. Alla morte di Maria, il trono passò a Elisabetta I, figlia di Enrico VIII e di Anna Bolena e Filippo, non avendo intenzione alcuna di rinunciare all'Inghilterra, si propose a Elisabetta la quale, tuttavia, non rispose. Dopo aver vissuto, nei primi anni del suo regno, nei Paesi Bassi[11] Filippo II decise di tornare in Spagna stabilendo la capitale del proprio impero presso la città di Madrid, al centro dell'altopiano della Castiglia. La riduzione della produzione nazionale, l'ulteriore aumento delle spese militari dovuto allo scoppio della guerra degli ottant'anni dissestarono ulteriormente l'economia e costrinsero Filippo II a dichiarare default nel 1557 ma ben presto il regno divenne dipendente dai prestiti concessi dai banchieri di Genova e dai Fugger. Gli succedette il figlio ultimogenito, Filippo, con il nome di Filippo III. Filippo II, nell'ottobre del 1591, fu quindi costretto a inviare 12 000 soldati per contrastare il reclutamento di milizie locali e difendere i confini da un'eventuale invasione francese.

San Sergio Onomastico 9 Settembre, Sibilla Delfica Analisi, Abbazia Di Chiaravalle Ospitalità, Elenco Regionale Scuole Non Paritarie Campania, Preghiera Dei Genitori Per I Figli, 3 Agosto Cosa Accadde, La Sirenetta 3, Diana Nome Bimba, Giacomo Guè Testo, San Sebastiano Folgaria, Spiazzi Verona Come Arrivare, Ariete Scorpione 2020, Maya Sansa Età,